Acqua, terra e fuoco

Andrey Chezhin e Sergei Kovalsky

Febbraio - Marzo 2012

 “Spaziobianco” e il “Museum Art Centre Pushkinskaya 10” di San Pietroburgo, con la collaborazione di  “EF International Service Art”, presentano una mostra di due fra i più noti artisti russi contemporanei, Andrey Chezhin e Sergei Kovalsky, dal titolo “ACQUA, TERRA E FUOCO. L’imprevidibilità del processo fotografico”.

La mostra, curata da Enzo Fornaro e da Valentina Kirichenko, porta per la prima volta a Torino le opere di due figure storiche dell’arte a San Pietroburgo. L’acqua è il tema dominante delle opere di Andrey Chezhin, con le sue immagini irreali e trasfigurate delle “città d’acqua”, Venezia e San Pietroburgo. La terra e il fuoco sono invece gli elementi che ispirano le fotografie di Sergei Kovalsky, sulle quali campeggiano, quasi incombenti, i segni geometrici del suprematismo russo.

Entrambi gli artisti si ispirano ad una concezione della fotografia che privilegia i sentimenti profondi e inconsapevoli dell’artista piuttosto che il tentativo di raffigurare una realtà sovente effimera ed aleatoria. La fotografia – dicono Chezhin e Kovalsky – è un processo imprevedibile come i sentimenti e spesso sfugge e supera le stesse intenzioni degli artisti.